google-site-verification=VO26FS09_wGmsXgWxYrzMSaLMYq3ACiKYZfVjn7LVC0

HOME pagina principale - Museo etnografico Nunzio Bruno

nome del museo
logo del museo
Vai ai contenuti






ATTIVITA' DEL MUSEO
NEWS















ATTENZIONE tutte le immagini contengono un link e portano direttamente alla pagina dei contenuti annunciati.
________________________________________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________________________________________
Auguri
Felice 2022
Numa Pompilio (2° dopo Romolo re di Roma e sacerdote) nel 715 a. C. volle che il nuovo anno iniziasse dopo il solstizio di inverno, dedicandolo contrariamente alla tradizione che voleva l’inizio dell’anno con Marthius il mese di Marte dio della guerra, a Giano (Janus). In questo modo era tutto il popolo e non solo l’esercito il protagonista della vita civile della comunità. La divinità indicata fu Giano, una delle più antiche e importanti, la gente lo considerava “deus deorum”, il dio degli dèi insieme a Quirino a non avere corrispondenti nel pantheon greco ma in quello etrusco.
 
Janus con l’essere bifronte, cioè con due volti, guarda verso il passato e verso il futuro, rappresenta l’anno che finisce e quello che inizia, il momento del transito fra ciò che è stato e quello che sarà. È una porta di collegamento e gennaio mese a lui dedicato simboleggia la transizione inarrestabile fra passato e futuro con l’attimo inafferrabile e non cristallizabile che è il presente destinato a morire prima di nascere. Questo ciclo continuo dal trascorrere delle stagioni e con esse la vita dell’uomo, Macrobio diceva “il mondo gira sempre, muovendosi in cerchio e, partendo da sé, ritorna sempre a sé stesso”.                                Mario Lonero

Folklore degli Iblei














Vi aspetiamo al museo










Museo Etnografico Nunzio Bruno
© 2022 Created with WebSite X5 2021.5.4 Mario Lonero
Torna ai contenuti