Progetto - Museo etnografico Nunzio Bruno

Vai ai contenuti

Menu principale:

CENTRO DIDATTICO > PROGETTI DIDATTICI > Mani giovani

Questa una selezione di immagini
dell'evento

I protagonisti

IMG_7097.JPG
IMG_7098.JPG
IMG_7099.JPG
IMG_7100.JPG
IMG_7101.JPG
IMG_7102.JPG
IMG_7103.JPG
IMG_7104.JPG
IMG_7105.JPG
IMG_7106.JPG
IMG_7107.JPG
IMG_7108.JPG
IMG_7109.JPG
IMG_7110.JPG
IMG_7111.JPG
IMG_7112.JPG
IMG_7113.JPG
IMG_7114.JPG
IMG_7115.JPG
IMG_7116.JPG
Progetto didattico-culturale
"Mani giovani per antichi mestieri"

Patrocinato perchè giudicato meritevole di sostegno dalla Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo di Roma, ideato e progettato dall’Ass. Museo civico TEMPO, gestito e promosso  dal Centro Studi Xiridia, di concerto con il Sistema Rete Museale Iblei il progetto "MANI GIOVANI PER ANTICHI MESTIERI" presenta alla stampa il percorso avviato con studenti degli istituti scolastici di media superiore e giovani disoccupati, ospiti di case di accoglienza, della provincia di Siracusa, per riproporre i mestieri scomparsi legati alla civiltà pre-industriale. “Mani giovani per antichi mestieri è il trasferimento della sapienza insita nei valori del passato e delle nostre origini, - precisa meglio la referente del progetto, Cetty Bruno - espressa attraverso l'opera di salvaguardia operata dai musei dell'entroterra ibleo e finalizzata ad azioni concrete volte ad un ammodernamento dello sviluppo economico di questo territorio. Territorio che deve necessariamente imparare a trarre profitto dalla propria cultura.” I musei, messi in sistema grazie ad un'opera di coordinamento svolta dal Sistema Rete Museale Iblei, il Museo etnografico Nunzio Bruno di Floridia, il Museo TEMPO di Canicattini Bagni, l’Antiquarium del Medioevo sortinese, il Museo dell'Opera dei Pupi e la Casa 'ro Fascitraru di Sortino, sono stati luoghi, insieme alle scuole, di lezioni teoriche svolti con esperti studiosi di etno-antropologia e laboratori didattici  con eccellenti artigiani, che hanno permesso la riscoperta di attività lavorative scomparse, quali: lo scalpellino, la sarta, il tintore, il fito-preparatore, il puparo , l'apicoltore, il saponificatore.
“Inoltre, il progetto rappresenta un importante tassello per la valorizzazione delle risorse umane, - sottolinea Paolino Uccello - Presidente della Rete Museale Iblei - in termini di riscoperta delle tradizioni degli antichi mestieri e degli artigiani ancora operanti nel territorio e testimonianza di vita per le nuove generazioni. Occorre riprendere quei lavori caratterizzati dall’originalità e dal pregio del prodotto manuale, che, peraltro attualmente è richiesto dal mercato, ripristinando così le antiche botteghe artigianali. La scelta delle tematiche e delle attività laboratoriali è scaturita dalla consapevolezza di dover orientare i giovani verso la conquista delle radici storiche e sociali di appartenenza, in una chiave di sviluppo sociale sostenibile.” Coinvolti la Soprintendenza ai Beni culturali di Siracusa, gli enti pubblici, le istituzioni scolastiche e culturali, i musei, le associazioni di categoria, gli artigiani e le piccole imprese. Il progetto verrà esposto alla stampa giovedì 31 maggio 2018, ore 10.30,  nella Sala Workshop dell’Urban Center di Siracusa di Via N. Bixio- Traversa di via Malta alla presenza degli studenti protagonisti del percorso.

Museo Etnografico Nunzio Bruno
© 2017 Created with WebSite X5 v13 Mario Lonero
Torna ai contenuti | Torna al menu